Yahoo Search Búsqueda en la Web

  1. Cerca de 20 resultados de búsqueda
  1. The critical edition of Guittone d'Arezzo's Rime and commentary by Michelangelo Picone (tesi di laurea, University of Florence, 1968) Genesi e storia dell’edizione foscoliana della Commedia The origins and history of Ugo Foscolo's 19th-century edition of Dante's Commedia.

  2. Si è certi che, nel 1265 o poco tempo dopo, Guido inviò un sonetto a Guittone d'Arezzo, chiamandolo padre ("O caro padre meo, de vostra laude"; la differenza tra le poetiche dei due lascia però il dubbio che la dedica sia in realtà un velato attacco).

  3. Bonagiunta era infatti uno dei principali esponenti della cosiddetta scuola dei «siculo-toscani», di cui era stato l'iniziatore benché Guittone (più giovane di lui) ne fosse diventato poi il rappresentante di spicco, ed era colui che aveva rivolto a Guinizelli il famoso sonetto polemico Voi ch'avete mutata la mainera in cui lo accusava di scrivere versi troppo astrusi e dottrinali.

  4. In bocca al lupo è un augurio di buona fortuna che si rivolge a chi sta per sottoporsi ad una prova rischiosa o difficile.. Nei secoli l'espressione ha assunto un valore scaramantico: per scongiurare l'eventualità di un avvenimento indesiderato, lo si esprime sotto forma di augurio.

  5. Guittone d’Arezzo rediscovered it and brought it to Tuscany where he adapted it to his language when he founded the Neo-Sicilian School (1235–1294). He wrote almost 300 sonnets. Other Italian poets of the time, including Dante Alighieri (1265–1321) and Guido Cavalcanti (c. 1250–1300) wrote sonnets, but the most famous early sonneteer was Petrarca (known in English as Petrarch).

  6. Toszkána (olaszul: Toscana IPA: [tosˈkaːna]) Észak-Olaszország közigazgatási régiója; nyugaton a Tirrén-tenger irányában helyezkedik el. Északnyugat felé Liguria, északon Emilia-Romagna, keleten Marche és Umbria, délen Lazio határolja.

  7. 06/10/2021 · Map of Italian and Northern Renaissance cities; Bljc5f, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons After the King of France, Charles VIII, stormed Italy and saw the truly breathtaking artworks that had been created, he invited several Italian artists to France to spread their ideas and to produce equally beautiful works for the country.