Yahoo Search Búsqueda en la Web

  1. Cerca de 221.000 resultados de búsqueda

  1. 20 de ago. de 2022 · Salvatore Quasimodo, le poesie più belle Ed è subito sera. Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole: ed è subito sera. Ora che sale il giorno. Finita è la notte e la luna si scioglie lenta nel sereno, tramonta nei canali. È così vivo settembre in questa terra di pianura, i prati sono verdi come nelle valli del sud a primavera.

  2. Salvatore Quasimodo (Modica, 20 agosto 1901 – Napoli, 14 giugno 1968) è uno dei maggiori poeti italiani del Novecento, esponente di rilievo dell’ermetismo. Nel 1959 ha vinto il premio Nobel per la Letteratura con la seguente motivazione: “Per la sua poetica liricità con cui ha saputo esprimere le tragiche esperienze umane dei nostri tempi”.

  3. Poesie di Quasimodo: le 10 più belle e famose Premio Nobel per la letteratura nel 1959, Salvatore Quasimodo è stato uno dei più importanti poeti italiani del XX secolo. Nella sua carriera letteraria vanta un ruolo di prim’ordine nell’ermetismo, ovvero quel movimento che vede la poesia come un mezzo per trasmettere delle emozioni, uno stato d’animo, libera da ogni finalità pratica e senza un ruolo educativo.

  4. Nel 1959 Quasimodo vincerà il premio Nobel per la letteratura. Muore a Napoli il 1968. Nelle poesie di Quasimodo emergono i temi del dolore, della solitudine esistenziale e della nostalgia per la sua Sicilia, il luogo legato in modo indissolubili ai ricordi della sua infanzia e della sua prima giovinezza.

  5. 30 de nov. de 2018 · Vediamo ora alcune tra le più importanti e più belle poesie di Quasimodo: “Ed è subito sera”, 1942: tra le più conosciute poesie di Salvatore Quasimodo, è una delle più corte e...

    • Ilaria Roncone
  6. 28 de may. de 2021 · Le doti del giovane siciliano non passano inosservate e quella prima raccolta della storia poetica di Quasimodo vede la luce nel 1930. Due anni dopo, nel 1932, Quasimodo vince il premio dell’Antico Fattore e nello stesso anno pubblica “Oboe sommerso”. Nel 1934 passa da Firenze a Milano, la città della svolta.